Trip Therapy

10 buone abitudini che possono migliorare la tua salute mentale

Una ragazza seduta su di una roccia sulla cima di alcune montagne.

Questo articolo può contenere dei link di affiliazione con enti del turismo regionali o nazionali, strutture o servizi privati. All’interno del mio blog ti suggerisco solo esperienze selezionate che derivano da partner affidabili. Se clicchi su uno di questi link, noi riceveremo una piccola commissione, mentre per te non ci sarà alcun costo aggiuntivo. Questo mi aiuta a mantenere libero questo blog e a produrre nuovi contenuti di viaggio originali.

Una semplice giornata-tipo di questa vita moderna ci porta spesso stress e affaticamento, con conseguenze che a lungo andare hanno un impatto non indifferente sulla nostra salute fisica e mentale.

Il benessere psicologico è una condizione di equilibrio mentale ed emotivo che ha un ruolo chiave nel nostro benessere generale. Non parlo, in questo caso, dell’assenza nella nostra vita di disturbi mentali, ma di una situazione di equilibrio che dona soddisfazione e felicità nella quotidianità. Questo include la capacità di gestire questo stress, mantenere rapporti sani, sviluppare l’autostima e perseguire obiettivi importanti per la propria identità.

Sono diversi i fattori che influiscono sulla nostra salute fisica e mentale. Molti di questi sono incontrollabili, come la propria genetica, gli imprevisti della vita e la propria storia familiare. Sono però diversi anche quelli che possiamo riconoscere e mitigare stabilendo, nella nostra routine, un insieme di abitudini sane che aiutano a gestire la propria salute mentale, e che possono indirizzarti a uno stile di vita più paziente e sano, contribuendo a un netto miglioramento di quella fisica.

Per questo motivo, costruire delle abitudini sane può avere un forte impatto positivo nella vita di tutti i giorni, e con questo post voglio condividere con te una serie di dieci abitudini che mi auguro possano indirizzare la tua vita a una maggiore salute e un miglior benessere mentale e fisico.

Tutte queste ti sembreranno banali ma, a pensarci bene, tanti di noi non le fanno. Andiamo a vederle insieme.

Dormi a sufficienza

Un'opera di street art a Zagabria sul muro di un parco mostra una bambina di colore blu che dorme.

Dormire a sufficienza è molto importante perché permette al corpo di recuperare le forze di cui ha bisogno per affrontare ogni nuova giornata con rinnovate energia e motivazione. Allo stesso tempo, concede alla mente di resettarsi.

Una corretta gestione del proprio sonno è importante, perché tende a influenzare l’umore. Non dormire a sufficienza o in uno stato di alterazione fisica o mentale può rendere irritabili, e la salute fisica può deteriorarsi, nel tempo, insieme a quella mentale.

Cerca quindi di dormire a sufficienza. Diversi studi e ricerche, come questo condotto da ricercatori ed esperti, dimostrano che non esiste un numero adeguato di ore da dedicare al sonno, nonostante si stimi che 7-8 ore siano quelle ideali per un adulto.

Si parla anche di abitudini che sarebbe bene seguire prima di andare a dormire, a partire dall’evitare caffeina dopo le 17:00, tenersi lontani da televisori e telefoni almeno 1 ora prima di coricarsi, cercare di andare a dormire ad alzarsi alla stessa ora ogni giorno, stabilire una temperatura della stanza che non disturbi la tua notte e non faccia agitare (circa 18 gradi sono ideali).

Cerca di costruire un ambiente in cui prendere sonno, e dormire in tranquillità, non sono un problema.

Prova a fare in modo che la tua stanza sia confortevole e libera da distrazioni, come un televisore o elementi rumorosi, vistosi o di disturbo. Preferisci un buon libro prima di andare a dormire, meglio se sotto a una luce calda e soffusa. Oltre ad regalarti una bella storia, ti aiuterà a conciliare il sonno.

Mangia sano e fai esercizio fisico

Mente sana in corpo sano, mai frase è stata più vera. Fin troppo spesso dimentichiamo che siamo macchine biologiche, e in quanto tale se non utilizziamo il carburante migliore e non ci curiamo delle giunture, questo avrà un impatto maggiore sul nostro invecchiamento. Mangiare sano è molto importante e aiuta a ridurre ansia e stress. Cerca inoltre di essere regolare con i tuoi pasti, senza saltarne alcuno.

Alcuni prodotti, primi tra tutti gli alcolici, il caffè, carboidrati complessi o con zuccheri aggiunti, danno un senso si sazietà e di sollievo temporaneo, ma che col tempo si trasforma in un peggioramento dell’ansia e dei sintomi. Evita di prendere piatti pronti e impegnati ad acquietare ingredienti freschi da trasformare in qualcosa di godurioso. Non solo ti darà modo di migliorare le tue capacità culinarie, ma con il tempo porterà cambiamenti sempre maggiori al tuo corpo e al tuo umore.

Una regolare attività fisica, assieme a un’alimentazione sana, può influenzare positivamente il tuo umore, mantenere basso il livello di stress rilasciando ormoni positiviti come la serotonina e la dopamina. Non serve allenarsi come se fosse in programma la partecipazione alle Olimpiadi, parlo di organizzare attività sana e regolare. Questo può avere un impatto enorme sulla salute fisica e mentale: il corpo resta in forma, la mente sana e concentrata e l’umore migliore.

Se non puoi praticare attività fisica ogni giorno allora cerca di uscire di casa per una breve passeggiata così da acquisire vitamina D.

Socializza

Un gruppo di ragazzi e ragazze sono seduti attorno a un tavolo bevendo una birra.

Tutti abbiamo bisogno di tempo per noi così da imparare a conoscerci, a crescere e a diventare più maturi e coerenti con la nostra visione della vita.

Interagire socialmente è però altrettanto importante perché permette di connettersi con persone di tutti i tipi e a livelli diversi. Creare connessioni con la propria famiglia o amici, come anche interagire con sconosciuti o con persone con si ha poca conoscenza può aiutarti non solo a superare le tue giornate in maniera meno stressante, ma può cambiare la tua visione di vita rendendola ancora più orientata e positiva, dando un senso ancora più profondo alla tua vita e alleviando la solitudine.

Se non hai molti rapporti sociali puoi valutare di coltivarne di nuovi, con i tuoi ritmi e mantenendo i tuoi spazi, cercando persone simili tra chi ha le tue stesse passioni, facendo volontariato e prendendo parte alle attività organizzate dalla tua comunità.

Se da un lato è importante imparare ad essere felice e appagati da soli, altrettanto lo è coltivare amicizie e rapporti di qualità per il proprio benessere mentale. Ciò non include solo costruire rapporti di fiducia e alleanza reciproca tali da poterli condividere con altri quando le cose si fanno complicate, ma anche chiedere e donare sostegno, condividere le esperienze, ascoltare e dare consigli.

Condividere la propria vita con altre persone che sentiamo vicine aiuta non solo a vivere una vita più felice, ma permette di mettere in discussione ed analizzare le proprie decisioni, passi molto importanti per la propria crescita personale.

Pratica meditazione o altre tecniche di rilassamento

Con il tempo lo stress si può accumulare nel tuo corpo e creare tensione mentale. Uno dei modi migliori per evitare ridurre il suo effetto, come anche la possibilità che vada a influenzare negativamente le tue giornate, è praticando tecniche di rilassamento mentale. Queste riducono lo stress, alleviano la pressione sanguigna e la tensione muscolare.

Ci sono diverse tecniche di rilassamento mentale che potresti fare consigliare da un medico, tra cui esercizi di controllo della respirazione, auto-ipnosi e rilassamento progressivo.

Io consiglio di considerare la meditazione, un esercizio di respirazione, di rilassamento del pensiero e della tensione mentale che a lungo andare porta a benefici considerevoli. Ho iniziato a praticare meditazione ogni giorno da circa un anno, 15 minuti la mattina e 15 la sera, anche più volte durante la giornata se ne sento la necessità. Richiede pratica ma, con il tempo e la pazienza, si rivela uno strumento davvero potente per combattere le difficoltà, lo stress e per reagire prontamente ai momenti difficili della propria routine.

Pratica gratitudine

Due ragazzi sulle dune del deserto di Merzouga Marocco.

Ricordarsi ogni giorno che ci sono cose di cui essere grati può avere un impatto molto positivo sulla nostra salute mentale e può portare al tipo di cambiamento necessario per attivare una visione più positiva della vita.

Sono cresciuto in occidente e in un epoca dove ho avuto tutto a disposizione, ma che mi ha tolto tanta soddisfazione. Questo accesso a tutto in maniera tanto semplice a qualsiasi cosa ci venga in mente, mi ha fatto per tempo dimenticare l’importanza della gratitudine. 

È difficile essere grati nella quotidianità, quando siamo immersi nella nostra comfort zone e tutto ci arriva con tanta semplicità. Viaggiare mi ha messo di fronte a realtà che non avevo mai preso in considerazione e mi fa essere grato di tutto ciò che ho.

Cerca di dedicare ogni giorno del tempo per riflettere a tutto ciò che ti sta succedendo e cerca tutto ciò che è positivo nella vita, scrivilo in modo tale da rivederlo regolarmente e ricordarti, di volta in volta, di quanto tu sia fortunato nella vita. Sviluppare una visione positiva nella vita può non solo aiutare a creare un’atmosfera più piacevole attorno a cui far ruotare la tua routine, ma rende più forte e preparati di fronte alle avversità della vita, aiutandoci a reagire in maniera più comprensiva e matura.

Praticando gratitudine farai passi da giganti di fronte a quelle cose, piccole o grandi, che cercando di trascinarti giù ogni giorno.

Riduci il tempo passato sui social media

Nel corso della vita ci mettiamo sempre e comunque fin troppo spesso in dubbio e in discussione e l’arrivo dei social media non ha contribuito a rendere tutto questo più semplice. L’uso eccessivo dei social media non solo ci porta a disconnettere continuamente la nostra mente dai pensieri, fornendoci distrazione e riparo dai conflitti interiori che dovremmo affrontare quotidianamente, ma ci porta a consumare continuamente informazioni della vita di altre persone. Questo spinge diverse persone a comparare la propria vita con la loro, alimentando quel senso di insicurezza che attanaglia ciascuno di noi, con un peggioramento di quei sentimenti che potrebbero portare a condizioni d’ansia e di depressione.

Sarebbe meglio fare a meno dei social media o limitarne l’utilizzo a pochi momenti, assicurando un controllo totale sul’uso che ne facciamo.

Per ridurre la presenza dei social media nelle tue giornate puoi cominciare rimuovendo le notifiche delle app di social dal tuo telefono, così da non farti distrarre e tentare ogni qual volta c’è un aggiornamento da parte di un app, e limitati ad utilizzarle solo nei momenti in cui ne hai intenzione.

Affronta le tue giornate con piccoli passi

Nelle giornate più stressanti e difficili può risultare davvero difficile destreggiarsi tra tutti gli impegni che siamo richiesti a seguire, con il rischio di sentirsi sopraffatti e di peggiorare il proprio umore.

Una giornata no può capitare a tutti, ma a lungo andare è consigliabile costruirsi un piano d’azione e una strategia che aiutino ad affrontare ogni impegno senza sentirsi sopraffatti, con idee pratiche e fattibili in tutti i giorni della nostra vita, ma che ci aiuti in quelli in cui siamo particolarmente provati.

Il modo migliore per affrontare la vostra giornata è in piccoli passi, uno alla volta, ma che con un minimo di costanza ti faranno procedere attraverso i tuoi impegni in maniera produttiva e soddisfacente. Che sia facendo il tuo letto, bere un bicchiere d’acqua la mattina, leggere il giornale o imparare una nuova parola o nozione ogni giorno. Inizia a costruire quelle piccole azioni che con il tempo possono diventare abitudini. Con il passare delle giornate inizierai a farle senza nemmeno rendertene conto e ti sentirai pieni di energia e di prospettive.

Prendi più pause

Un ragazzo è steso su di un'amaca al tramonto.

Viviamo ormai in un mondo veloce, di continue pressioni. Pensate a quante cose dovreste fare, o cercate di fare, ogni giorno da quando vi alzate dal letto tra lavoro, studio, gestire un’alimentazione sana, praticare sport, godersi il tempo libero, quello con il proprio partner e con i propri cari e amici.

I social media e internet hanno aiutato a velocizzare i ritmi rincarando il carico, rendendoci sempre connessi assumendo nozioni di continuo e richiedendoci una risposta emotiva.

Se internet e i social media ci aiutano e ci hanno aiutati, specialmente durante la recente pandemia, a garantire comunicazioni semplici e costanti d’ovunque siamo, quando vogliamo, sono anche una forte causa di stress e di ansia. Non sono poche le volte in cui capita di sentirsi sopraffatti da quanto ci circonda, dal senso di inferiorità che proviamo nei confronti delle altre persone sui social media e dalla pressione continua che sentiamo nel provare ad essere connessi tutto il tempo.

Tutto ciò è insostenibile e decisamente non salutare a lungo andare, per questo è importante prendersi cura di sé stessi e limitare ogni giorno il tempo passato davanti a uno schermo, o speso semplicemente a produrre e a fare in maniera proattiva. Cerca quindi di staccarti dal monitor o dal display del tuo tablet o cellulare, esci per una passeggiata, incontrati di persona con gli amici e lasciati andare a una conversazione faccia a faccia. Oppure dedica il tuo tempo a te stess*, rilassati, fai qualcosa che ti faccia stare bene o ti renda felice, qualsiasi cosa sia.

Trova il tuo ritmo e cerca di essere comprensivo con te stess*

Prendersi cura degli altri è molto bello e appagante, ma questo dovrebbe essere fatto con la consapevolezza che anche noi siamo importanti e che, ogni giorno va affrontato ricercando un ritmo che doni tempo e riposo a sufficienza a noi stessi.

Ciò non è solo importante per per focalizzare la propria mente sui propri obiettivi e sui propri bisogni, ma per costruire una serie di abitudini sane e continuative che definiscano il ritmo delle tue giornate. Queste dovrebbero dovrebbero ruotare attorno a una sana alimentazione e attività fisica costane, come anche a un riposo corretto e sufficiente.

Questo darà modo di avere un’idea ben precisa della direzione che abbiamo preso, e ci aiuterà anche a mantenere una buona lucidità e salute mentale.

Nell’insieme aiuterà ad avere una visione migliore dei propri errori, sviluppando una mente critica capace di accettarli e di perdonarli. La vita, dopotutto, non si ferma di fronte agli errori per cui dobbiamo cercare di essere gentili, indulgenti e compassionevoli, anche con noi stessi.

Tieni un diario

Una mano sta scrivendo su di un diario.

Tenere un diario, come anche scrivere su di un quaderno i propri pensieri e le proprie riflessioni, può essere terapeutico e aiutarti a rivedere la tua condizione.

La scrittura personale può darti uno spazio sicuro dove esprimere i tuoi pensieri e le tue emozioni, dando modo di sfogare l’insieme di ragionamenti più intimi e confusionari che difficilmente riusciresti ad affrontare con un amico o un familiare.

Può aiutarti ad analizzare la tua condizione nel tempo, identificando pensieri negativi o credenze che possono frenarti, analizzarle e rivederle sotto una luce più positiva, creando un processo di analisi che può portare all’accettazione e a una maggiore comprensione di te stesso.

Il diario può anche essere un buon espediente per definire i propri obiettivi e tracciarne i progressi, meglio ancora se utilizzato per tenere traccia della propria salute fisica e mentale così da poter rivedere la propria situazione, riconoscere alcuni pattern e variare le proprie abitudini a seconda della necessità.


Quali altri consigli ti sentiresti di condividere, basandoti sulla tua esperienza personale?

Faccelo sapere lasciando un commento qui sotto, così da dare a tutti un’opportunità di leggerli e di lavorare sulle proprie abitudini per una vita e una routine più sana.

Ci tengo a ricordare che i consigli che ho dato possono servire a migliorare la propria salute mentale, ma non sono una cura a nessuna condizione mentale specifica. Apportare dei cambiamenti e dei miglioramenti nelle proprie abitudini è sempre un bene, perché possono aiutare ad alleviare le proprie giornate. Nel caso in cui ti trovassi in una condizione di forte stress emotivo è sempre meglio rivolgersi a un terapista, come ho fatto io quando ne ho sentito la necessità, per ottenere supporto da un professionista che, con il tempo, può aiutarti ad alleviare la tua condizione, anche se non si dovesse trattare di depressione, ansia o di altri sintomi legati a una digressione mentale specifica.

In tal caso ti suggerisco di affidarti a unobravo.it, dove potrai trovare il terapista che meglio si adatta alle tue necessità. Andare in terapia è un bene per se stessi, non per altri. A me ha cambiato la vita e non sarei a fare la vita che faccio ora se non avessi iniziato il mio percorso di terapia, ormai 4 anni fa!

Per contenuti simili, dai un’occhiata alla sezione “Cosa ho imparato viaggiando” del blog, dove puoi trovare altri blog post in cui trattiamo argomenti affini, tra cui:

Grazie per aver letto questo nuovo post. Buona giornata e buona vita!