Irlanda

Belfast: che cosa vedere in un giorno – itinerario low cost

La colorata e decorata Commercial Court di Belfast.

Questo articolo può contenere dei link di affiliazione con enti del turismo regionali o nazionali, strutture o servizi privati. All’interno del mio blog ti suggerisco solo esperienze selezionate che derivano da partner affidabili. Se clicchi su uno di questi link, noi riceveremo una piccola commissione, mentre per te non ci sarà alcun costo aggiuntivo. Questo mi aiuta a mantenere libero questo blog e a produrre nuovi contenuti di viaggio originali.

Belfast è la capitale dell’Irlanda del Nord e vanta un vasto patrimonio artistico e culturale, oltre a una scena artistica e culinaria capaci di affascinare e appagare ogni viaggiatore che scelga di visitarla. Nonostante i suoi trascorsi burrascosi, Belfast è riuscita a risollevarsi facendo dell’accoglienza il suo punto di forza diventando una città dall’architettura ricercata, dall’ottima cucina locale e internazionale, con festival musicali, musei interessanti e diversi quartieri vivaci e attivi. Dalle strade acciottolate tra i mattoni rossi degli edifici del Cathedral Quarter fino ai cantieri navali del Titanic Quarter. La sua fama è legata al Titanic e a Game of Thrones, che proprio a Belfast aveva uno dei suoi set più importanti.

Nonostante la sua ricca offerta, il centro storico di Belfast è di piccole dimensioni e si può visitare facilmente in un weekend, anche in un solo giorno se non vi soffermate troppo tra musei e gli spazi chiusi. Per quanto questo itinerario voglia consigliare la visita di un giorno, noi vi suggeriamo comunque di fermarmi per una notte, così da cogliere l’opportunità di vivere la musica dal vivo presente nei pub del Cathedral Quarter e di godervi una buona cena tradizionale negli ottimi locali della città.

Belfast è inoltre un buon punto di partenza per partire a scoprire le bellezze dell’Irlanda del Nord, specialmente quelle sparse lungo il Causeway Costal Route.

Con questo post vogliamo accompagnarvi a scoprire Belfast con una visita di un giorno, con qualche suggerimento sulle curiosità della città, sulle bellezze nei dintorni e sui migliori ristoranti economici in città

Continuando a leggere troverete:

Qual’è il periodo migliore dell’anno per visitare Belfast?

Belfast è bella tutto l’anno, ma rimane sempre una località britannica e, in quanto tale, è soggetta a un clima più imprevedibile, anche nel mezzo della stagione estiva.

L’estate rimane comunque il periodo migliore per visitare Belfast, con particolare predilezione per il mese di giugno quando le giornate sono più lunghe e le temperature non hanno ancora toccato il picco estivo. Assieme a settembre, il mese di giugno non è poi molto turistico rendendo la città più tranquilla e piacevole da esplorare a piedi.

Anche i mesi di aprile, maggio e ottobre sono delle buone opzioni, ma in questo caso bisogna scendere a compromessi con il clima, molto più freddo e soggetto a precipitazioni frequenti. Se Belfast è solo una delle fermate nel corso di un road trip in Irlanda del Nord, allora giugno o luglio sono i mesi migliori per le giornate molto lunghe e il clima più stabile, nonostante l’autunno e l’inverno riescano a regalare scenari meravigliosi e drammatici lungo la costa.

Il nostro consiglio, quando viaggiate in Irlanda, è sempre lo stesso: vestitevi a strati e con scarpe comode, meglio se impermeabili. Portate con voi un giubbino resistente al vento e un k-way. Con questi nello zaino potrete affrontare anche il peggior clima irlandese!

Che cosa vedere nel centro di Belfast in un giorno: le principali attrazioni (con mappa)

Siamo stati a Belfast a giugno del 2023, durante il nostro nono giorno di road trip in Irlanda tra Wild Atlantic Way e Causeway Coastal Route. La nostra visita in città è durata un giorno e ci ha permesso di vedere, anche se in maniera poco approfondita, tutte le principali attrazioni in città e di godere dell’atmosfera tipicamente irlandese che si percepisce nei Cathedral Quarter e nel Titanic Quarter.

Per quanto un giorno sia sufficiente a godersi gran parte delle bellezze in città abbiamo intenzione di tornarci per una visita più lunga. Quanto serve quindi per visitare Belfast? Due giorni sono ideali per godersi Belfast, visitare con tutta calma i musei (l’Ulster Museum e il Crumlin Road Goal), immergersi nell’atmosfera del Titanic Quarter, scoprire la storia tra i graffiti e i murales dei Peace Walls, passeggiare tra le strade del Cathedral Quarter e immergersi nella musica irlandese di un pub la sera.

Se come noi siete di passaggo in un giorno potete comunque godervi molto di Belfast! La città si può girare a piedi, ma consiglio l’uso di un auto o di un autobus per spostarsi verso le attrazioni più limitrofe come quelle nel Titanic Quarter o nell’University Quarter.

Abbiamo raccolto le principali attrazioni da visitare a Belfast nella mappa qui sotto divisa per quartieri, dove abbiamo indicato alcuni dei migliori pub economici e famosi in città, parcheggi e molto altro. Speriamo possa esservi utile, le troverete tutte elencate nel blog post secondo l’ordine di visita consigliato.

Scopriamo ora che cosa vedere nel centro di Belfast.

Il Line Quarter

Continuiamo la nostra visita nel Line Quarter, il quartiere politico e commerciale di Belfast. Il Line Quarter racchiude la zona più centrale di Belfast e qui troverete alcuni dei punti di interesse più importanti in città come la City Hall (il palazzo del municipio), il St George’s Market (il meraviglioso mercato coperto in stile vittoriano, aperto dal 1890), la Grand Opera House, l’Ulster Hall e il Victoria Square Shopping centre, un moderno centro commerciale con cupola panoramica gratuita da cui è possibile ammirare la città. La visita al Line Quarter non dovrebbe richiedervi più di un paio d’ore e potrete poi muovervi al Cathedral Quarter, prima di tornare al St George’s Market per l’ora di pranzo.

Saint George’s Market

Il Saint George’s Market è un antico mercato vittoriano riconvertito in un bellissimo edificio dedicato alla gastronomia irlandese e internazionale. Costruito tra il 1890 e il 1896, si trova poco lontano dal centro di Belfast e gode dell’essere considerato uno dei migliori del Regno Unito e dell’intera Irlanda grazie al perfetto mix tra l’ottima qualità dei suoi prodotti e l’atmosfera gioiosa che si viene a creare ogni qual volta è sede di un breve concerto da parte dei musicisti locali.

Il mercato è attivo per soli tre giorni ogni settimana e ogni giorno ospita al suo interno delle varianti al mercato generale. Molte apprezzate sono le bancarelle del freschissimo pesce irlandese, specialmente quella delle ostriche dov’è possibile gustarne di fresche per appena 2 euro!

Ogni venerdì dalle 06:00 alle 15:00 si svolge il Friday Variety Market che, attivo dal 1604, propone 300 bancarelle che vendono una grande varietà di prodotti tra cui ortaggi, oggetti d’antiquariato, libri, vestiti, carne e pesce.

Ogni sabato dalle 09:00 alle 15:00 visitando il mercato potrete trovare un’esplosione di odori e sapori provenienti dai cibi di tutto il mondo, ma c’è anche una sezione dedicata all’artigianato con ceramica, vetro, metallo e opere d’arte, come anche piante e fiori. Durante la giornata le gastronomie offrono i loro tagli di carne e le loro portate migliori, e vi sarà facile assaggiare i piatti tipici provenienti da diverse regioni dell’Irlanda.

La domenica, infine, il mercato è aperto dalle 10:00 alle 16:00 e propone, assieme a un mix di prodotti freschi e specialità internazionali, anche una sezione dedicata ai mestieri locali, con spettacoli di musica e di balli dal vivo. Oltre a spezie e cioccolatini troverete candele profumate, vestiti, gioielli fatti a mano, articoli per la casa, per il giardino e per la salute.


Informazioni per la visita al Saint George’s Market di Belfast

  • Orari di apertura:
    • Ogni venerdì: / 06:00 – 15:00 /;
    • Ogni sabato: / 09:00 – 15:00 /;
    • Ogni domenica: / 10:00 – 16:00 /;
  • Costo dell’ingresso: gratuito;
  • Durata della visita: 1 ora;
  • Sito web ufficiale: https://www.belfastcity.gov.uk/stgeorgesmarket.

La City Hall

Nel centro della piazza centrale di Donegall Square, la City Hall è forse l’edificio più rappresentativo di Belfast, riconoscibile fin da lontano per la sua bellissima e imponente cupola centrale e con la sua struttura in stile rinascimentale costruita in pietra bianca di Portland. La City Hall è nella cultura comune britannica e irlandese il palazzo del municipio, sede dell’amministrazione cittadina e palazzo attorno al quale si sviluppa la vita della città.

Quello di Belfast è particolarmente grande e sfarzoso con giardini tutto intorno, statue eleganti come quella dedicata alla Regina Vittoria o al fondatore di Harland&Wolff, Sir Edward Harland, memoriali e monumenti commemorativi dedicati al disastro del Titanic e ad altri eventi importanti per la storia della città. Il palazzo rappresenta perfettamente l’epoca d’oro che seguì la rivoluzione industriale, con il conseguente benessere economico e culturale.

La City Hall è chiusa al pubblico ma si può vedere il suo interno prendendo parte a una visita guidata gratuita, prenotabile presso il sito web ufficiale. Gli interni sono riccamente decorati con legni intagliati, marmi italiani e vetrate policrome. Durate il tour potrete visitare la Camera del Consiglio e La Galleria dei Ritratti con i dipinti dei primi cittadini che si sono succeduti negli anni. Ero lo stesso primo cittadino, il sindaco, ad avere l’onore di scegliere l’artista che lo avrebbe ritratto, una tradizione rimasta immortale negli anni.

Donegall Square è anch’essa molto bella e spaziosa, con alberi e panchine, circondata da negozi e ottimi ristoranti. La piazza ospita ogni anno i mercatini di Natale, che vengono organizzati per il mese di dicembre e i primi giorni di gennaio.

Di fronte alla City Hall si trova la Linen Hall Library, la più antica biblioteca dell’Irlanda del Nord. All’interno respirerete un’atmosfera speciale grazie agli antichi scaffali in legno, le file ordinate di libri e di tomi antichi. Vala la pena farci una visita!


Informazioni per la visita alla City Hall di Belfast

  • Orari di apertura:
    • Tour guidati:
      • dal lunedì al venerdì alle 11:00, 14:00 e 15:00;
      • sabato e domenica alle 12:00, alle 14:00 e alle 15:00;
    • Visitor Exhibition:
      • dal lunedì al venerdì / 09:30 – 17:00 /;
      • sabato e domenica / 10:00 – 17:00 /;
    • L’ultimo ingresso è a un’ora dalla chiusura.
  • Costo dell’ingresso: gratuito, ma donazioni sono apprezzate. Dei costi potrebbero essere applicati alla Visitor Exhibition a discrezione del co;
  • Durata della visita: da 60 a 90 minuti,
  • Sito web ufficiale: https://www.belfastcity.gov.uk/visitcityhall.

Il Cathedral Quarter

Si tratta di uno dei quartieri storici più caratteristici di Belfast. Prende il nome dalla cattedrale cittadina, visitabile gratuitamente tutti i giorni, e si trova proprio al centro della zona delimitata da Donegall Street, Waring Street, Dunbar Street e York Street.

Il Cathedral Quarter si può raggiungere in circa 10 minuti di passeggiata dalla City Hall e si tratta di una delle zone migliori per una cena o per una buona birra in serata. Un tempo era il quartiere mercantile che, sottoposto a un lungo processo di riqualificazione, ha consentito un rapito sviluppo economico e culturale. Il quartiere è formato da grandi edifici industriali in mattoni rossi che sono stati trasformati in una zona giovane e vivace. Passeggiando tra i vicoli stretti e le stradine lastricate troverete un serie di edifici antichi convertiti in cinema, teatri, pub, coffee shop, gallerie d’arte e studi di design. Durante l’anno vengono organizzati nel Cathedral Quarter eventi, rassegne musical, festival e appuntamenti culturali.

Il più celebre è il Cathedral Quarter Arts Festival, che riunisce artisti e appassionati da tutta l’Irlanda e dall’Europa. Una delle strade più belle del Cathedral Quarter è la Commercial Court, una breve via decoratissima con ombrelli colorati, graffiti e targhe di locali, attività e famosi brand di birre e alcolici.

Alcuni tra i vicoli più belli di Belfast

Belfast è ricca di vicoli e stradine pittoresche. Assieme alla Commercial Court vi segnalo Pottinger’s Entry, Crown Entry, Wincellar Entry, Joy’s Entry e Wilson Court.

Il quartiere ospita anche diversi centri commerciali modernizzati con grandi negozi e diversi locali. Uno di questi è il Victoria Square Shopping Centre, un enorme edificio dalla bellissima struttura architettonica che, grazie alle ampie vetrate, regala dei bei scorci sul centro di Belfast. Il centro è sormontato da una grande cupola in vetro che rende l’edificio molto luminoso e ha una terrazza panoramica ad accesso gratuito, dalla cui sommità si può vedere la città dall’alto.

Il Victoria Shopping Centre si trova a poca distanza da Royal Avenue, la principale strada commerciale della città che si ricollega alla City Hall e taglia gran parte del centro storico.

Percorrendo la strada vi ritroverete a ridosso della meravigliosa St Anne Cathedral, il luogo di culto più importante della città, inaugurata nel 1904.

Se siete appassionati di pub irlandesi e cercate un posto dove bere una buona birra artigianale nel Cathedral Quarter, fate una passeggiata fino al “The Deer’s Head“, un bellissimo pub tradizionale con birrificio a vista. Tra gli altri pub che vi suggerisco di visitare nel Cathedral Quarter per l’atmosfera gioiosa, l’architettura d’impatto e l’ottima qualità dei prodotti e del servizio vi suggerisco il Duke of York e The Spaniard.

Nel lasciare il Cathedral Quarter dirigetevi verso High Street per ammirare l’Albert Memorial Clock su Queen’s Square e proseguite fino al fiume Lagan dove potrete ammirare la celebre statua The Big FIsh (particolarmente bello perché ogni piastrella che lo compone racconta una breve storia sulla città) e attraversare il Lagan Wir Bridge, un bellissimo ponte pedonale risalente al 1994, molto bello di sera grazie alle illuminazioni. Dal ponte si gode di una veduta particolarmente bella sul fiume Lagan e sull’area del porto e proseguendo dall’altro lato troverete una delle varie installazioni in vetro dedicate al Trono di Spade presenti in città.

La street art a Belfast

Una delle esperienze che più ci è piaciuta a Belfast è stata quella di fare un tour alla scoperta delle molte opere di street art che popolano gli edifici e i palazzi della città, specialmente nel Cathedral Quarter e nel Titanic Quarter. Lo stesso Council di Belfast fornisce una mappa che mostra le location delle principali opere di street art nell capitale! In città è possibile anche prendere parte a tour guidati sulla street art organizzati da Seedhead Arts, dalla durata mediamente di 90 minuti, che nel corso di una passeggiata vi permettono di scoprire la storia della street art di Belfast visitando alcune delle opere più celebri e apprezzate. Questi tour sono diversi dai Black Cab tou dedicati ai Peace Walls. Mentre quelli sono più legati allo scenario politico della città e del Nord Irlanda, questi tour sono principalmente dedicati ad arte generica con artisti locali e internazionali.

Informazioni per la visita alla St Anne’s Cathedral di Belfast

  • Orari di apertura: dal lunedì al sabato / 10:30 – 16:00 /;
  • Costo dell’ingresso: gratuito;
  • Durata della visita: 30 minuti;
  • Sito web ufficiale: https://www.belfastcathedral.org/.

Il Crumlin Road Goal

Il Crumlin Road Goal di Belfast è l’ex istituto penitenziario della città, teatro di alcuni dei capitoli più macabri del passato irlandese. Si trova di poco al di fuori del centro storico della città, a circa 20 minuti a piedi dalla St Anne’s Cathedral nel corso di una passeggiata che vi porterà a vedere altri degli edifici più belli Belfast come la Cliffton House o la Carlisle Memorial Church. La prigione venne aperta nel 1846 ed era per l’epoca una delle più avanzate dell’epoca, progettata per ospitare 500 prigionieri.

All’interno del Crumlin Road Goal vennero imprigionati i protagonisti del The Troubles, il conflitto interno che ha sconvolto l’Irlanda nel corso degli ultimi decenni del XX secolo. Dal 1996 la prigione è stata chiusa, ed è stata poi convertita nel 2012 in un museo volto a raccontare le tristi vicende di quel periodo e le condizioni in cui vivevano i detenuti.

La prigione può essere visitata esclusivamente prendendo parte a tour guidati che includono la visita dell’edificio, delle celle, della sala di esecuzione (17 prigionieri vennero uccisi qui, con l’ultima esecuzione nel 1961) e dei tunnel sotterranei che collegavano il penitenziario alla courthouse al di sotto della strada.

Ogni tour richiede dai 70 ai 90 minuti e, per via della grande richiesta, vanno prenotati in anticipo, meglio se online. Presso il centro c’è un coffee shop dove poter procurarsi uno sfizio o il pranzo.


Informazioni per la visita al Crumlin Road Goal

  • Orari di apertura:
    • Da aprile ad agosto:
      • da domenica a giovedì: / 10:00 – 16:00 /;
      • venerdì e sabato: / 10:00 – 16:30 /;
    • Da settembre a marzo:
      • sabato e domenica: / 10:00 – 16:00 /;
      • Chiuso gli altri giorni.
  • Costo dell’ingresso:
    • Adulti: 14.50£;
    • Bambini (5-15): 8£;
    • Concessione (studenti e over 60): 13£;
    • Famiglia (2 adulti e 2 bambini): 40£;
    • Per gruppi: vi rimando alla pagina ufficiale con le varie offerte.
    • NB: Viene previsto uno sconto di 0.50£ per gli acquisti online. La riduzione è die 2£ per le famiglie.
  • Durata della visita: da 1 a 2 ore;
  • Sito web ufficiale: https://www.crumlinroadgaol.com/.

Il Titanic Quarter

Parte del vostro pomeriggio a Belfast può essere dedicato alla visita del Titanic Quarter, una delle aree storicamente più importanti per la capitale dell’Irlanda del Nord.

Il quartiere si sviluppa attorno ai cantieri navali ed è un vero e proprio simbolo per la zona per via dell’importante passato nautico della città, principalmente legato all’industria navale Harland e Wolff (i costruttori del Titanic) ancora oggi ben celebre dalle lettere H&W stampate sulle gru gialle, simbolo di Belfast, erette tra gli anni ’60 e ’70 e visibili da vari punti della città.

Lo sapevi che…?

Le due famose gru di H&W nel Titanic Quarter hanno il nome di Samson e Goliath. Un errore comune tra la gente del posto è di chiamarle David e Goliath, o Samson e Deliah.

Le gru si trovano proprio al centro di questo iconico quartiere. A seguito della riqualificazione del 2005 l’area è stata rigenerata per diventare una zona di cultura e di intrattenimento. Assieme al Titanic Museum e alla possibilità di visitare la SS Nomadic, nel quartiere hanno aperto un parco scientifico, un hotel, un parco universitario e gli studi cinematografici che hanno ospitato la produzione di Game of Thrones. Sparsi per il quartiere e per la città potrete trovare diverse statue dedicate alla serie televisiva, alcune proprio a ridosso del Titanic Museum.

Il Titanic Museum Belfast

È in assoluto una delle attrazioni più conosciute e apprezzate di Belfast. Si trova nel cuore del Titanic Quarter nel porto della città, proprio a ridosso degli Studios della HBO e del cantiere navale Harland & Woff dove venne costruito il transatlantico più tristemente famoso della storia.

Il Titanic Museum è un’impressionante costruzione contemporanea che ospita al suo interno un’esperienza di visita impressionante, con 9 gallerie distribuite su 6 livelli espositivi (a ricreare l’altezza della nave). Scegliendo di visitare il Titanic Museum a Belfast potrete scoprire la storia del transatlantico dal momento della sua costruzione al disastro, ammirare le ricostruzioni degli interni, leggere le storie dei passeggeri e scoprire molte curiosità sul suo viaggio. L’intera esperienza è accompagnata da esposizioni multimediali, cartelle illustrativi e ricostruzioni accurate degli oggetti originali.

L’ingresso e a pagamento e non è proprio economico. La visita dovrebbe durare circa tre ore. Per mancanza di tempo abbiamo scelto di non visitare il museo, ma ci siamo comunque recati al porto di Belfast per ammirare l’edificio che, dall’esterno, è straordinariamente bello. L’intera zona del porto è in sé molto ampia e piacevole. La grande piazza ospita installazioni dedicate a Game of Thrones della HBO, che proprio qui di fianco ha i suoi studios di produzione, sarete a cospetto delle immense gru gialle dei “The Samson & Goliath Cranes” dell’industria navale Harland e Wolff, celebri simboli della skyline di Belfast; e potrete visitare la SS Nomadic, nave di supporto del Titanic, arrivata ai nostri giorni nel suo aspetto originale.

Le statue di Game of Thrones a Belfast

II Titanic Quarter e altre zone della città di Belfast ospitano sei installazioni in vetro dedicate a Game of Thrones. Potete divertirvi a scolvarle tutte, anche se alcune sono in posizioni un po’ decentrate. Per aiutarvi nella ricerca Visit Belfast ha indicato le posizioni per voi, che potete consultare nella mappa presente a questo link: https://visitbelfast.com/article/glass-of-thrones-trail-map/.

Informazioni per la visita al Titanic Museum Belfast

  • Orari di apertura:
  • Costo dell’ingresso: Il biglietto d’ingresso include il tour al Titanic Museum e alla SS Nomadic. Ci sono costi differenti a seconda dell’età, del periodo e dell’orario d’ingresso, con diversi sconti e offerte che potete provare ad applicare. Per maggiori informazioni vi rimando alla pagina dedicata ai costi d’ingresso sul sito web ufficiale di Titanic Belfast.
  • Durata della visita: dalle 2 alle 3 ore, a seconda dell’interesse;
  • Sito web ufficiale: https://www.titanicbelfast.com/.

Informazioni per la visita alla SS Nomadic a Belfast


Il Queen’s Quarter di Belfast

Si tratta del quartiere a sud del centro e ospita il centro universitario e museale della città con la sede, le residenze e i palazzi della Queen University of Belfast, l’Ulster Museum e i meravigliosi Botanic Gardens.

La Queen University of Belfast

Si trova nel Queen’s Quarter di Belfast, una delle aree più belle in città assieme al Cathedral Quarter. Trattandosi del quartiere universitario l’intera area si presenta vivace, ricca di ottimi pub, ristoranti di cucina nazionale e internazionale, locali e caffetterie in cui trascorrere un breve momento di relax. Assieme al vicino orto botanico, la più grande attrazione della zona è proprio la Queen’s University of Belfast, la storica università del 1810 dal bellissimo edificio in mattoni rossi e marmo bianco, dal tipico aspetto vittoriano. Il campus è aperto al pubblico e può essere visitato in completa autonomia, avendo l’accortezza di non invadere troppo gli spazi per studenti e docenti. I più interessati possono prendere parte a visite guidate (per info consultare il sito ufficiale, o la sezione qui sotto).


Informazioni per la visita alla Queen University of Belfast

  • Orari di apertura: i tour del campus avvengono dal lunedì al giovedì alle 10:00, alle 12:00 e alle 14:00;
  • Costo dell’ingresso: gratuito;
  • Durata della visita: 90 minuti;
  • Sito web ufficiale: link alla pagina turistica dell’università.

NB: I tour sono solitamente organizzati per studenti e personale didattico in visita. Sono anche aperti ai turisti, ma in quel caso vi suggerisco di fare una richiesta formale all’università e di aspettare una loro conferma.


L’Ulster Museum

L’Ulster Museum è forse il museo più importante dell’Irlanda del Nord. Al suo interno ospita esibizioni di artisti nazionali e internazionali in cui compaiono opere di arte contemporanea e di arredamento irlandese, vetro e ceramiche; come anche artefatti più antichi risalenti all’antico Egitto, più recentemente, alla vita irlandese nei secoli.

Si trova nel cuore dell’orto botanico di Belfast, all’interno della zona che confina con la Queen’s University. L’esibizione può richiedere una visita di circa 3 ore, ma poi potreste concentrarvi ad alcune sale specifiche come la Sala Armanda, che mostra una serie di gioielli recuperati da alcuni sommozzatori all’interno della barca Girona, appartenente alla Spanish Armada, affondata di fronte alla Giant’s Causeway nel 1588; come anche alla Galleria dei primitivi che contiene una serie di manufatti celtici molto ben conservati. Cito anche la Sala Egizia, con la mummia della principessa Takabuti, per finire con l’Area Naturale in cui spicca un’intera porzione fossilizzata di fondo marino di 200 milioni di anni fa.


Informazioni per la visita all’Ulster Museum

  • Orari di apertura:
    • dal martedì alla domenica 10:00 – 17:00;
    • Chiuso ogni lunedì;
  • Costo dell’ingresso: gratuito;
  • Durata della visita: da 1 a 3 ore, a seconda dell’interesse personale;
  • Sito web ufficiale: https://www.ulstermuseum.org/.

I Botanic Gardens di Belfast

I Botanic Gardens sono una delle attrazioni che più ci è piaciuta in città per quel senso di pace e di eleganza che fuoriescono dalle serre e dai bellissimi giardini che le circondano. Vennero costruiti nel 1828, con l’intento di creare un’area verde dedicata alla ricerca botanica e allo svago dei cittadini di Belfast. Ai nostri giorni il loro uso è rimasto pressoché invariato, acquisendo ancora più apprezzamenti per via delle bellissime costruzioni vittoriane delle serre.

I Botanic Gardens si possono raggiungere con una breve passeggiata dalla Queen University e si trovano proprio a ridosso dell’Ulster Museum.

Le due ale più significative sono la Palm House e il Tropical Ravine, che fin dall’apertura danno casa a una vasta selezione di piante provenienti dall’emisfero australe. La Palm House, in particolar modo, venne progettata da Charles Lanyon ed è uno dei primi esempi di serra in ghisa curvilinea. L’edificio della Tropical Ravine venne costruito qualche anno più tardi, nel 1887, ed è stato restaurato cercando di mantenere la bellezza architettonica originaria, modernizzandola al contempo con materiali capaci di trattenere il calore e il microclima in maniera migliore. L’intero giardino botanico di Belfast si trova inserito in un bellissimo parco con viali, giardini ed aree verdi. Molto bello è il Rose Garden, il roseto circolare iniziato nel 1924 da Alexander Dickson II e che oggi contiene oltre 30 qualità diverse di rose colorate


Informazioni per la visita ai Botanic Gardens di Belfast


Peace Walls

I Pecae Walls sono una delle attrazioni che più incuriosiscono i viaggiatori alla scoperta di Belfast e, nonostante si trovano fuori dal centro della città, attirano ogni anno moltissimi turisti.

Tale interesse deriva dai molti murales che affrescano i muri per chilometri e chilometri, opere d’arte che ricordano i tristi accadimenti legati ai Troubles che hanno colpito Belfast, Derry e le altre zone limitrofe d’Irlanda nel corso della guerra civile.

Proprio questi muri sono stati in passato testimoni delle lotte e delle barbarie tra le due fazioni e dividono Falls Road, la parte repubblicana e cattolica dell’area, da Shankill Road, quella dei lealisti protestanti, fedele alla corona inglese. Le lotte terminarono solo dopo decenni quando, il 10 aprile 1998, con il Belfast Agreement si pose fine ufficialmente alla tensioni in città, rendendola un luogo pacifico e sicuro.

Quasi a dar vita nuova alla zona il lungo muro è oggi ricoperto da murales e opere di street art che ricordano i personaggi e i fatti che hanno sancito la lotta tra le due fazioni. Tra le opere più famose quella dedicata a Bobby Sands, simbolo dell’epoca. Volontario dell’IRA, morì dopo 66 giorni in prigione dove si diede allo sciopero della fame in protesta delle condizioni in cui erano tenuti i prigionieri politici.

Il muro è davvero molto lungo e per questo motivo vi suggerisco di visitarne solo una parte, meglio se lentamente passandoci accanto con la vostra auto. In alternativa potete affidarvi a un Black Taxi Tour, un tour proposto da autisti di taxi che, con il ruolo non solo di autista ma di guida ufficiale, vi guiderà con esperienza lungo il muro spiegandovi i dettagli del conflitto nord irlandese, facendovi capire il significato dei murales più famosi e delle tradizioni locali. Il costo di un Black Taxi Tour è di 25£ a persona o 50£ per due, e ha una durata che varia dai 90 ai 120 minuti.

Come arrivare a Belfast

Belfast è la capitale dell’Irlanda del Nord ed è servita dall’Aeroporto di Belfast-Aldergrove, situato a circa 24 Km a nord ovest del centro della città. L’aeroporto serve diverse città europee, con diversi voli operati da Milano Bergamo, Venezia, Verona, Napoli, Bologna e Roma.

Il modo migliore per raggiungere il centro di Belfast è tramite il bus Airport Express 300 di Translink. Opera 7 giorni su 7, con un viaggio di circa 30/40 minuti e una frequenza di 15 minuti. Il costo del biglietto non è molto economico e parte da 15£ per un viaggio di sola andata.

In alternativa potete arrivare all’aeroporto internazionale di Dublino da cui proseguire con un auto a noleggio (in circa due ore) o spostarsvi in centro città da cui potete prendere un autobus (da 12£ con Aircoach) o un treno in direzione Belfast da Dublino Connoly (da 7.20€).

Dove mangiare a Belfast spendendo poco

Belfast offre una grande varietà di ottimi pub, coffee shop e ristoranti di ottima qualità. La scelta è tanto vasta che non faticherete a trovare soluzioni economiche dove gustare l’ottima cucina irlandese accompagnata da una una pinta di spumosa birra stout.

Con questa sezione voglio consigliarvi una serie di soluzioni dove mangiare a Belfast spendendo poco, ma inserirò anche alcuni locali non troppo economici ma talmente belli e celebri nella vita cittadina che sarebbe un peccato non farci visita!

Tra le migliori opzioni low cost in città non posso partire col menzionare il Saint George’s Market, uno dei posti migliori in città dove assaggiare i piatti regionali della tradizione irlandese per un prezzo onesto. Il mercato offre una vastimma selezione di banchetti tradizionali e internazionali in formato street food con opzioni a base di carne, pesce, come anche piatti vegetariani e vegani. Al mercato di Saint George’s ci siamo deliziati con una Irish Seafood Chowder (a 8.50£), una zuppa tradizionale irlandese a base di pesce, cozze e patate e con un Hake Po’Boy Sandwich (a 9£).

Nella zona del centro e del Cathedral Quarter potete provare da Established Coffee per piatti a partire da 7.50£, prendere il celebre fish and chips di John Long’s a soli 7£, da Maggie Mays (un cafè con ottime colazioni e hamburger a prezzi vantaggiosi nella zona della Queen University) o presso il Whites Tavern, un antico pub aperto dal XVII secolo e che propone piatti tipici della cucina irlandese per un prezzo che varia dagli 8£ ai 13£.

Dove bere una buona pinta di birra a Belfast

Se cercate invece dei pub dove gustarvi una buona pinta di birra, magari godendo della tipica atmosfera irlandese con musica folkloristica e una calorosa compagnia, posso consigliarvi alcuni locali che fanno al caso vostri. Molti di questi sono situati nel Cathedral Quarter che si sicuro è la zona migliore dove uscire la sera e prendere parte alla movida serale e alla vita notturna cittadina. Qui infatti non vi sarà difficile trovare pub, bar e ristoranti molto belli e di ottima qualità.

Di seguito abbiamo raccolto una lista dei nostri pub e bar preferiti dal design accattivante e che offrono ottimo cibo, cocktail e una buonissima birra artigianale:

  • The Deer’s Head è stato il nostro locale preferito. Si tratta di un bellissimo pub tradizionale con birrificio artigianale a vista e una vasta selezione di birre alla spina, sia loro che di altri birrifici, e di cocktail alla carta. Il pub offre anche servizio cucina. Personalmente non lo abbiamo sfruttato ma i piatti avevano un ottimo aspetto e i prezzi erano onesti.
  • Il Crown Liquor Saloon è un pub storico dichiarato Patrimonio UNESCO. Fondato nel 1885, ha da allora mantenuto l’atmosfera e l’arredamento originale in stile vittoriano con decorazioni in rame e vetro. Il pub è rinomato per l’ottima cucina irlandese, per la sua atmosfera accogliente e per le molte curiosità storiche presenti al suo interno. Ci sono mosaici e lampade a gas, è possibile sedere tra gli antichi separé che dividevano i tavoli e creavano privacy, c’è anche un indicatore che indicava quali dei tavoli erano occupati. Se i prezzi sono per voi troppo alti vi consiglio comunque di entrarvi almeno per una pinta di birra, che viene servita a prezzi molto simili a quelli degli altri pub in città.
  • Il The Duke of York: è uno dei più celebri nel Cathedral Quarter. Nato nel 1972 nel pieno degli anni dei Troubles, è da allora stato restaurato e reso un vero e proprio tributo alla città di Belfast. Con gli interni accoglienti e il bellissimo beer garden esterno, il cancello nero all’esterno e i murales di street art, è forse uno dei pub più accoglienti e fotogenici in città!
  • Il The Dirty Onion è un altro pub molto accogliente e particolarmente bello nel Cathedral Quarter, con diversi tavoli all’esterno come all’interno e un ristorante (lo Yardbird, economico) al piano superiore da cui poter ordinare la vostra cena. Si tratta di un pub molto apprezzato per l’atmosfera vivace e gli spettacoli di musica live.
  • The Spaniard è uno speakeasy pub nascosto dietro a una porta di Donegall Street, noto per l’eccellente selezione di rum, whiskey e cocktail oltre che per la piacevole atmosfera che lo circonda.

Questi sono stati i nostri preferiti, ma ci sono anche altri locali molto carini come il Babel bar (se cercate un bar che offra cocktails con terrazza), il Whites Tavern, aperto nel 1630, il Bittles Bar (celebre per la facciata colorata, l’ottima cucina irlandese e i suoi interni caratteristici). o il Filthly Mcnastys che nella zona del porto è decorato da oggetti insoliti e offre diversi spettacoli dal vivo.

Che cosa vedere nei dintorni di Belfast

La città di Belfast e i suoi dintorni offrono davvero molto ai viaggiatori che scelgono di fermarsi per più di un semplice weekend. Dai piccoli segreti sparsi nei quartieri più lontani dal centro fino alle molte testimonianze storiche e naturalistiche sparse nelle contee circostanti e lungo il percorso della Causeway Coastal Route, in questa ultima sezione della nostra guida a Belfast abbiamo raccolto una lista delle più belle attrazioni da visitare nei dintorni di Belfast.

  • Stormont: è l’ex residenza del Parlamento dell’Irlanda del Nord e ospita oggi l’edificio della Northern Ireland Assembly. L’area merita decisamente una visita per via della posizione, sulla sommità di una collina con vista e per via della posizione, adiacente allo Stormont Castle (il castello di Belfast) utilizzato ai nostri giorni come quartiere generale del Segretario di Stato del paese. Per quanto nessuno dei due edifici sia aperto al pubblico, entrambi i palazzi sono molto belli da vedere e sono circondati da un grande parco dove poter passeggiare e rilassarsi.
  • Cave Hill Country Park: si tratta di un enorme parco di 300 acri situato sulle rive del Belfast Lough, a pochi chilometri dal centro di Belfast. Il parco è il luogo ideale per una fuga nella natura, ha diversi sentieri da percorrere, parchi giochi ed è molto comodo allo Stormont Castle. L’attrazione più bella è però il il MacArt’s Fort, arroccato in cima alla roccia basaltica Cave Hill: da qui si gode una vista spettacolare sul panorama sottostante.
  • La St Peter’s Cathedral: si trova a ridosso del centro storico della città, nella zona che affaccia da est sulla City Hall. La cattedrale dalla particolare architettura gotica risale al 1899 ed è ricca di dettagli artistici tra cui affreschi, vetrate colorate, diverse icone di artisti locali e un importante organo a canne.
  • La C.S. Lewis Square: si trova anche questa a ridosso del centro cittadino, nella zona orientale della città. Si può raggiungere a piedi dalla stazione dei treni del Titanic Quarter. La piazza è un omaggio all’autore di Belfast C.S. Lewis, importante scrittore e autore della serie di romanzi Le Cronache di Narnia. noi non ci siamo stati personalmente ma sappiamo che la piazza è una grande attrazione per la città per la presenza delle sculture dedicate alla Strega bianca, al Signor Tumnus e ad Aslan, il Grande Leone.
  • La Game of Thrones Experience: si tratta di un esibizione aperta dagli studios della HBO completamente allo show del Trono di Spade con le ricostruzioni dei set originali a grandezza naturale, i costumi e un tour dedicato agli effetti speciali e alla lavorazione della serie televisiva di Game of Thrones, girata per gran parte in Irlanda del Nord e che a Belfast aveva uno dei suoi centri di produzione più importanti. Gli Studios si trovano a circa 30 minuti d’auto dalla città e possono essere raggiunti dal centro tramite il servizio di trasporto in autobus incluso con l’acquisto del biglietto, per un prezzo maggiore rispetto a quello richiesto per il tour ordinario.
  • Derry: la città di frontiera irlandese è una tappa quasi d’obbligo per conoscere a fondo le vicende legate ai Troubles che hanno segnato lo sviluppo dell’età moderna. Dai molti affreschi legati a questi eventi, la passeggiata sulla cinta muraria con vista panoramica e il contenuto centro storico ricco di palazzi storici e di piccole corti commerciali, una gita a Derry, anche se di mezza giornata, è una delle più belle esperienze che possiate fare nei dintorni di Belfast. Trovate tutte le informazioni per visitare Derry qui nella nostra guida dedicata.
  • Tour della Causeway Coastal Route: nel visitare Belfast non potete mancare un tour di almeno un giorno alla scoperta delle bellezze sparse lungo la cosa a nord. Nella vostra lista non possono mancare la Giant’s Causeway, il Rope Bridge e le fantastiche Gobbins Cliffs. Gli appassionati del Trono di Spade saranno entusiasti nel visitare le location del Dunluce Castle, usato come location per la tenuta dei Greyjoy, e la lunga strada alberata dei The Dark Edges, una location naturalistica divenuta molto celebre per alcuni girati nella serie tv.
  • La Bushmills Distillery: anche se non siete amanti del whisky o non bevete alcolici dovreste considerare una visita alla Bushmills, la distilleria di whiskey più antica d’Irlanda. La produzione è attiva da oltre 400 anni seguendo metodi tradizionali. Lo stabilimento offre visite guidate durante i quali è possibile imparare molto sul marchio e sulla tecnica di produzione del whiskey. L’esperienza si chiude con una guida sulla conservazione e sulla consumazione del whisky, un’esperienza sensoriale di gusto e olfatto per finire con una degustazione del miglior whiskey Busshmills.

Lo sapevi che…?

Si dice che la collina di Cavehill abbia ispirato il gigante dormiente nei Viaggi di Gulliver di Jonathan Swift.

Con questo arriviamo al termine di questa guida per visitare Belfast, la capitale dell’Irlanda del Nord, nel corso di un giorno.

Spero che questo nostro post vi abbia fatto trovare tutte le informazioni di cui avete bisogno! Se così non fosse lasciate un commento qui sotto o scriveteci per email, siamo sempre molto contenti di leggervi e rispondervi.

Se siete curiosi di scoprire altre località meravigliose sull’Isola di smeraldo navigate all’interno della sezione Irlanda del blog dove potete trovare altre destinazioni e suggerimenti, assieme a una guida sulle città e sulle contee di Cork e di Dublino.

Buona giornata e buon viaggio! Sláinte!

 

Per alcune delle foto nel post si ringraziano: