Puglia

Porto Cesareo: cosa fare e cosa vedere in questa località del Salento

Il porto di Porto Cesareo, Italia.

Questo articolo può contenere dei link di affiliazione con enti del turismo regionali o nazionali, strutture o servizi privati. All’interno del mio blog ti suggerisco solo esperienze selezionate che derivano da partner affidabili. Se clicchi su uno di questi link, noi riceveremo una piccola commissione, mentre per te non ci sarà alcun costo aggiuntivo. Questo mi aiuta a mantenere libero questo blog e a produrre nuovi contenuti di viaggio originali.

Porto Cesareo, località pugliese affacciata sul Mar Ionio, è una delle destinazioni più visitate e celebri del Salento. Attira ogni anno un numero impressionante di turisti grazie all’insieme di bellezze naturali, artistiche e architettoniche, alla straordinaria e variegata cucina locale e all’incredibile ospitalità dei cesarini. Tra acque cristalline, spiagge bianche e una storia ricchissima, Porto Cesareo ha trasformato l’ospitalità e il turismo nella sua principale vocazione. Il paese è ricco di alberghi, locali e ristoranti per tutte le tasche, che lo rendono il luogo perfetto per rilassarsi durante un break dalla vita di tutti i giorni. Questo, infatti, è il luogo ideale sia per gli amanti delle attività naturali sia per chi preferisce passare le giornate tra cultura, mare e buon cibo.

In questo articolo vi voglio raccontare delle meraviglie di Porto Cesareo e cosa fare nella località salentina. Vi segnalerò i migliori posti da visitare, cosa vedere, cosa assaggiare e quali sono le attività da non perdere nel luogo dalle radici antichissime, oggi meta di vacanze per pugliesi e viaggiatori provenienti da tutto il mondo.

Porto Cesareo: breve storia della località salentina

Porto Cesareo è stato per secoli un importante crocevia di diverse popolazioni, un ruolo testimoniato dal suo ricco patrimonio artistico e culturale. Fu fondato dagli abitanti di Saseno, un’isola vicino Valona, in Albania, e già in epoca pre-romana era conosciuto come Portus Sasinae. Il paese, abitato prima dai Micenei, poi dai Messapi e dai Romani, era utilizzato come importante scalo portuale per il commercio dei prodotti agricoli, provenienti dalle coltivazioni interne ai territori.

Dopo un periodo di abbandono e devastazione, dovuto principalmente alle scorrerie dei pirati e al dilagarsi dei terreni paludosi, fu riabitato – e riabilitato – a partire dal XV secolo. Durante il Medioevo, Porto Cesareo fu al centro di numerose contese e divenne parte dei possedimenti dei duchi di Nardò (e diventando parte annessa di questo territorio), ritrovando la sua antica funzione di porto commerciale.

Nei secoli ha visto accrescere sempre di più la sua importanza, fino a staccarsi definitivamente da Nardò nel 1975 e diventare un comune autonomo. Oggi, è diventata una delle località più celebri della Puglia e di tutto il Belpaese, e ospita alcune delle più belle cose da vedere in Salento.

Cosa vedere a Porto Cesareo

Porto Cesareo, Puglia.

Porto Cesareo è sede, dal 1997 di un’Area Marina Protetta, localizzata nella baia tra la frazione di Punta Prosciutto e Torre Inserraglio, vicino Nardò. A Porto Cesareo si trova anche la riserva naturale orientata “Palude del Conte e Duna Costiera“. Si tratta di un’area di 110 ettari di cui circa 300 di pineta, con calette, dune, grotte e scogliere, panorami mozzafiato e animali selvatici, come volpi, donnole e ricci, e perfino camaleonti allo stato brado.

Pur non essendo un comune particolarmente esteso, Porto Cesareo può fregiarsi di alcune delle più belle spiagge d’Italia (quella principale è lunga ben 17 chilometri!) e di poche, ma meravigliose, attrazioni dalla ricca importanza storica, come la Torre Cesarea, la Chiesa della Beata Vergine Maria del perpetuo soccorso, lo Scalo di Furno e la Torre Chianca.

Torre Cesarea

Torre Cesarea, Porto Cesareo, Puglia.

La Torre Cesarea è un’antica torre di avvistamento, costruita per difendere la costa dai pirati e dai Turchi. Anticamente in comunicazione con le due torri gemelle (la Lapillo – conosciuta anche come “San Tommaso” – e la Chianca, entrambe situate nelle frazioni omonime), è una costruzione a pianta quadrata, alta 16 metri. Oggi ospita il comando della guardia di finanza, ed è diventata uno sei simboli più importanti e immediatamente riconoscibili del paese, purtroppo visitabile solo dall’esterno; fare una passeggiata fino alla Torre Cesarea, però, non vi farà assolutamente pentire. Si trova, infatti, proprio sul lembo di terra direttamente sul mare, collegato solo tramite un ponte artificiale all’isola “Lo Scoglio”. Da qui, a nuoto o con piccole imbarcazioni, si possono raggiungere le altre piccole isolette dell’arcipelago che caratterizza le acque di fronte Porto Cesareo.

Chiesa della Madonna del Perpetuo Soccorso

Di fronte alla Torre Cesarea si trova l’edificio sacro più importante di Porto Cesareo, la chiesa della Madonna del Perpetuo Soccorso (anche detta “Beata Vergine Maria”). Si tratta di una costruzione ottocentesca, che si distingue per uno stile semplice, perfettamente integrato con l’ambiente che lo circonda. Anche l’interno risulta essenziale, con colori chiari e delicati e semplici bancali in legno.

Proprio accanto alla chiesa, sorge una piccola cappella in mattoni dedicata a Santa Cesarea, la patrona del paese. Ogni anno, dal 21 al 24 agosto, si tiene in suo onore una suggestiva e affascinante festa padronale completa di processione della statua sul mare, su una barca appositamente decorata per l’occasione.

Scalo di Furno

Spiaggia a Scalo di Furno, Puglia.

Scalo di Furno è una frazione di Porto Cesareo, dove si trova un sito archeologico scoperto negli anni Sessanta del Novecento, che testimonia l’esistenza di un insediamento e una comunità attiva in zona già dall’età del Bronzo. Qui sono state trovati anche diversi esemplari di ceramiche micenee e locali, statuette votive, bronzi e due siti a forma di focolari: si tratta di un luogo di importanza eccezionale per ricostruire la storia di queste terre. Neanche a dirlo, anche a Scalo di Furno è possibile trovare una bellissima spiaggia libera, Primo Ponte, dove passare qualche ora di riposo sguazzando nel mare sempre pulitissimo.

Torre Chianca

Torre Chianca, Porto Cesareo, Puglia.

La Torre Chianca, gemella di Torre Cesarea e di Torre Lapillo, è stata costruita nel XVI secolo ed è una delle più imponenti di tutta la penisola salentina. Alta 18 metri e larga 16 per lato, si erge direttamente sul mare Ionio ed è l’attrazione più importante della frazione di Torre Chianca, zona di Porto Cesareo particolarmente rinomata per le sue vaste spiagge sabbiose, le acque pulite e le bellissime pinete che offrono riparo dalla calura estiva.

Cosa fare a Porto Cesareo

Porto Cesareo e le sue frazioni, pur essendo un’area davvero piccola rispetto al resto del Salento, racchiude tantissime attività da svolgere. Si tratta, infatti, di una meta ideale praticamente per tutti, dagli amanti della cultura e dei musei, agli appassionati di sport d’acqua, fino a chi desidera solo godersi un po’ di relax, facendo il bagno nelle acque trasparenti dello Ionio. Moltissime spiagge di Porto Cesareo, tra l’altro, sono libere e ad accesso completamente gratuito: perfette, quindi, anche per viaggiatori low cost.

Visitare il Museo di Biologia Marina

Museo della Biologia Marina a Porto Cesareo.

Per gli appassionati di musei, la scienza e la natura, una tappa imperdibile a Porto Cesareo è il Museo di Biologia Marina, che esplora i segreti della flora e della fauna marina del territorio. Fondato nel 1966 dal naturalista Pietro Parenzan, il museo vanta un patrimonio espositivo di oltre 900 reperti: tra questi, spiccano testimonianze di animali stravaganti (talvolta anche un po’ spaventosi) che hanno abitato il nostro mare. Di particolare interesse sono la Collezione di Malacologia Ecologica e l’Algario, che conta oltre 700 esemplari di alghe. Il museo offre anche una biblioteca, un archivio fotografico e un’aula multimediale adatta anche ai più piccini.

Andare alle migliori spiagge di Porto Cesareo

Spiaggia a Porto Cesareo.

Ovviamente, una delle cose da fare assolutamente a Porto Cesareo è visitare le sue meravigliose spiagge, per godersi il meglio del mare del Salento. La spiaggia principale del paese, a pochi passi dalla Torre Cesarea, è caratterizzata da sabbia fine e bianchissima e un mare meraviglioso, ma è sempre molto affollata.

Anche la spiaggia di Torre Chianca, oltre a essere adatta alle famiglie per il fondale basso e i lidi attrezzati, è ideale per gli amanti dello snorkeling, delle immersioni e degli sport d’acqua, come vela e kitesurf. Ma la vera perla di Porto Cesareo è la frazione di Punta Prosciutto con la sua incredibile spiaggia: un vero e proprio angolo di paradiso, con una lunga distesa di sabbia finissima e impalpabile, un mare talmente cristallino da ricordare i panorami più esotici.

Il CEA – Centro di Educazione Ambientale di Porto Cesareo, con sede a Torre Lapillo, organizza inoltre stupende escursioni in barca o a piedi nelle diverse aree protette della zona e nelle spiagge più belle.

Lo sapevi che…?

La famosissima canzone “Acqua azzurra, acqua chiara” dell’inimitabile Lucio Battisti si ispira al mare cristallino della baia di Li Scianuli, a Torre Squillace, proprio nelle vicinanze di Porto Cesareo. Qui Mogol aveva acquistato una villa verso la fine degli anni ’60, e aveva invitato l’amico a passare più di un’estate nella tranquillità salentina.

Raggiungere l’Isola dei Conigli a nuoto, in barca o in canoa

Un’opzione molto interessante c’è, ed è quella di raggiungere l’Isola dei Conigli: si tratta dell’isola più grande dell’arcipelago di scogli e isolotti della zona, così chiamata perché un tempo ospitava un allevamento di conigli. Si può arrivare con le imbarcazioni private, in canoa o, per i più avventurosi, anche a nuoto, perché la punta più a sud-est, detta “Punta delle capre”, dista solo qualche centinaio di metri dall’Isola “Scoglio di mezzo”, collegata alla terraferma da un ponte artificiale. All’Isola dei conigli, parte dell’Area Marina Protetta, l’ambiente è incontaminato e perfetto per chi cerca tranquillità e relax.

Scoprire la vita notturna e la movida di Porto Cesareo

La maggior parte dei lidi e degli stabilimenti balneari che si trovano sulla costa di Porto Cesareo si trasformano, la sera, in veri e propri centri per il divertimento e la movida dei turisti e dei locals. Sono tantissime le feste organizzate sulla spiaggia, le discoteche con DJ rinomati, i locali che offrono diverse tipologie di serate e di generi musicali. Inoltre, Porto Cesareo non è così lontana da quella che è considerata una delle mete più affascinanti e agognate dell’estate, Gallipoli.

Come arrivare e come muoversi a Porto Cesareo

Ve lo dico subito: per arrivare e muoversi a Porto Cesareo, il mezzo migliore è sicuramente – e sfortunatamente – l’automobile. La Puglia non è ancora servita dai treni ad alta velocità e si basa su un sistema di treni regionali non sempre comodissimi. Nel caso di Porto Cesareo, è necessario scegliere alla stazione di Copertino o a quella di Lecce, entrambe a circa 30 km di distanza; da qui, con una serie di bus locali, si può arrivare in centro alla cittadina: non propriamente un viaggio comodo, soprattutto per chi ha diversi bagagli con sé. Anche nel caso raggiungiate Brindisi in aereo, distante circa 45 km da Porto Cesareo, cosa migliore da fare è noleggiare un’auto e seguire una delle tante strade provinciali.

All’interno di Porto Cesareo è poi facile spostarsi a piedi, perché il comune non è particolarmente grande. Se invece volete raggiungere Punta Prosciutto, Torre Chianca e le altre località limitrofe, se proprio non volete muovere l’automobile, potete servirvi del servizio di bus (gestito dalla STP, “Società trasporti pubblici di Terra d’Otranto”) o noleggiare una bicicletta.

Dove alloggiare e dormire a Porto Cesareo

Porto Cesareo, oltre a essere già di per sé una meta completa e ricca di cose da vedere e da fare, si rivela essere anche un ottimo punto di partenza per chi ha intenzione di cimentarsi in un piccolo tour del Salento: le bellissime località di Otranto, Gallipoli e Ostuni sono, infatti, comode da visitare in una gita di un giorno.

Le strutture ricettive in città sono di tutti i tipi e incontrano qualsiasi tipologia di budget e necessità. Se siete come noi, amate avere una cucina a disposizione (dove, magari, preparare pietanze a base dei prodotti tipici del luogo) e un vostro spazio privato dove rilassarvi, vi consigliamo di cercare una comoda casa vacanze a Porto Cesareo sui vari portali turistici online presenti anche in zona. Troverete praticamente di tutto, dalle ville con piscina (ideali per gruppi di più viaggiatori) fino agli appartamenti in pieno centro storico, adatti sia a coppie sia a un numero maggiore di visitatori.

Cosa mangiare a Porto Cesareo

Spaghetti con le cozze, Porto Cesareo.

Siamo sul mare, e che mare: ovviamente, il pesce è da assaggiare assolutamente a Porto Cesareo. Saporitissimi scorfani, sfiziosissime triglie fritte, gamberi rossi, ostriche freschissime e, soprattutto, cozze grandi e succulente, la vera specialità del Salento. Crude, ripiene, fritte, in umido, al sugo, in zuppa… non c’è limite alla creatività dei salentini quando si parla di questi deliziosi frutti di mare. Vi consigliamo di provare “lu Quataru di Porto Cesareo”, una zuppa di pesce il cui nome è un riferimento all’antico tegame di rame tradizionalmente usato per la sua preparazione.

Oltre che nei vari ristoranti e localini presenti su tutta la costa – tutti di ottima qualità, dai prezzi variabili – vi suggeriamo, se avete affittato un appartamento con cucina, di recarvi in via Silvio Pellico, la via delle pescherie, dove acquistare direttamente il pesce freschissimo. Anche sul molo del Porto di Ponente si tiene il caratteristico mercato del pesce, dove è possibile fare ottimi affari e comprare prodotti di qualità, con cui prepararsi manicaretti irresistibili. Se amate le feste paesane, inoltre, non perdetevi la Sagra del Pesce, che si svolge nel mese di luglio.


Spero che questo articolo possa esservi utile per avere un’idea un po’ più chiara su cosa vedere e cosa fare a Porto Cesareo, una delle perle del Mar Ionio e di tutto il Salento. Se siete in cerca di altre idee per un viaggio o un weekend in meravigliose località italiane, date un’occhiata anche ad altri nostri contenuti:

Buon viaggio!

Alcune delle foto utilizzate per questo post provengono da terzi. Per l’utilizzo di queste, si ringraziano: